Feeds:
Articoli
Commenti

Archivio per la categoria ‘Unità dei cristiani’

La Chiesa è la sposa di Cristo, il quale la rende santa e bella con la sua grazia. Tuttavia questa sposa, formata da esseri umani, è sempre bisognosa di purificazione. E una delle colpe più gravi che deturpano il volto della Chiesa è quella contro la sua unità visibile, in particolare le storiche divisioni che hanno separato i cristiani e che non sono state ancora superate. Proprio in questi giorni, dal 18 al 25 gennaio, si svolge l’annuale Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, un momento sempre gradito ai credenti e alle comunità, che risveglia in tutti il desiderio e l’impegno spirituale per la piena comunione [...] Incoraggio tutti a pregare insieme affinché possiamo realizzare «Quello che esige il Signore da noi» (cfr Mi 6,6-8), come dice quest’anno il tema della Settimana; un tema proposto da alcune comunità cristiane dell’India, che invitano ad impegnarsi con decisione verso l’unità visibile tra tutti i cristiani, e a superare, come fratelli in Cristo, ogni tipo di ingiusta discriminazione. (Benedetto XVI, dall’Angelus del 20 gennaio 2013)

© Mazur/catholicnews.org.uk

© Mazur/catholicnews.org.uk

Read Full Post »

Bisogna assolutamente esporre con chiarezza tutta intera la dottrina. Niente è più alieno dall’ecumenismo che quel falso irenismo, che altera la purezza della dottrina cattolica e ne oscura il senso genuino e preciso. (Concilio Vaticano II, Unitatis Redintegratio, 11)

VaticanoII

Read Full Post »

Oggi inizia la Settimana di Preghiera per l’unità dei Cristiani, che terminerà venerdì prossimo, 25 gennaio. Il riunirsi di tutti i seguaci del Signore in un unico ovile è stato “uno dei principali intenti del sacro Concilio ecumenico Vaticano II” (cfr. Unitatis Redintegratio, 1). Questa settimana di preghiera è una delle vie principali che si percorrono per cercare di raggiungere quest’obiettivo. Si tratta di un’iniziativa “introdotta nel 1908 da Padre Paul Wattson, fondatore di una comunità religiosa anglicana che entrò in seguito nella Chiesa cattolica. L’iniziativa ricevette la benedizione del Papa san Pio X e fu poi promossa dal Papa Benedetto XV, che ne incoraggiò la celebrazione in tutta la Chiesa cattolica con il Breve Romanorum Pontificum, del 25 febbraio 1916.” (Benedetto XVI, dall’Udienza Generale del 18 gennaio 2012) Ecco un appello del Papa di qualche giorno fa (cfr. Udienza Generale del 16 gennaio 2012):

venerdì 18 gennaio, inizia la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, che quest’anno ha come tema: “Quel che il Signore esige da noi”, ispirato a un passo del profeta Michea (cfr Mi 6, 6-8). Invito tutti a pregare, chiedendo con insistenza a Dio il grande dono dell’unità tra tutti i discepoli del Signore. La forza inesauribile dello Spirito Santo ci stimoli ad un impegno sincero di ricerca dell’unità, perché possiamo professare tutti insieme che Gesù è il Salvatore del mondo.

(copyright Valter Campanato/ABr)

(copyright Valter Campanato/ABr)

Read Full Post »

Fraterna emendatio

In un’intervista dell’ormai lontano 2006, mons. Fernando Arêas Rifan, amministratore apostolico dell’Amministrazione Apostolica Personale San Giovanni Maria Vianney (con sede a Campos, in Brasile), ha esposto alcune interessanti osservazioni riguardo riguardo ai rischi nei quali rischiano di cadere i “tradizionalisti”. Non riportiamo questi pensieri in spirito di contrapposizione e neppure coll’intento di giudicare la coscienza del prossimo, ma piuttosto nell’ottica del Messaggio del Santo Padre Benedetto XVI per la Quaresima 2012, il cui tema annuale (“Prestiamo attenzione gli uni agli altri per stimolarci a vicenda nella carità e nelle opere buone” Eb 10,24) richiama anche l’importante opera di misericordia spirituale che è “la correzione fraterna in vista della salvezza eterna” (come afferma il Sommo Pontefice).
Queste osservazioni possono comunque essere utile spunto di riflessione per ogni cattolico, qual che sia la sua personale sensibilità.

Ma, per amor di verità, ho raccolto anche i sette peccati capitali dei tradizionalisti, cioè le tentazioni ed i pericoli in cui essi possono cadere – e talvolta cadono:

1. Orgoglio – sentire di avere una qualche esclusiva e personale conoscenza della verità, idea settaria di essere i soli Cattolici, i salvatori della Chiesa.

2. Sistematica mancanza di carità – “Guardate come si odiano gli uni gli altri” Questo è il contrario di ciò che i pagani dicevano dei primi Cristiani. L’arte di trasformare i propri amici in nemici. Lo spirito di divisione.

3. Giudizio avventato – Spirito del sospetto. Teoria della cospirazione.

4. Diffusione di scandali – Critica come sistema. Ministero della critica.

5. Spirito di contestazione – Disobbedienza sistematica. Indipendenza verso la gerarchia e il Magistero della Chiesa.

6. Spirito settario – “nessuna salvezza fuori di noi”.

7. Pessimismo – contro la speranza cristiana (In spe gaudentes). In un certo qualmodo, soddisfazione nell’anomalia della propria posizione – e negli errori della parte umana della Chiesa – come se ciò possa giustificare la propria posizione.

Mons. Rifan con Benedetto XVI (© juventutemniteroi.wordpress.com)

Read Full Post »

Ut unum sint!

[...] desidero ricordare che dal 18 al 25 di questo mese di gennaio si svolgerà la Settimana di Preghiera per l’Unità dei Cristiani. Invito tutti, a livello personale e comunitario, ad unirsi spiritualmente e, dove possibile, anche praticamente, per invocare da Dio il dono della piena unità tra i discepoli di Cristo. (Benedetto XVI, Angelus del 15 gennaio 2012)

Ogni anno, da quando è divenuto Sommo Pontefice della Chiesa Cattolica, il Santo Padre Benedetto XVI ha dedicato – nel mese di gennaio – un’intera udienza generale al tema dell’unità dei cristiani (1). Evidente, quindi, l’importanza che il Papa tributa a questo tema (2), sulla scorta anche di quanto in merito affermava il Concilio Vaticano II (3).
Oggi inizia questa settimana di preghiera: che l’Altissimo conceda – secondo la Sua santissima volontà – questa grande grazia a tutti i cristiani!

 

(1) Ecco i link ai testi: 2006, 2007 (1°), 2007 (2°), 2008, 2009, 2010, 2011.

(2) Già nel suo primo messaggio da successore di Pietro, Benedetto XVI dichiarava: “Con piena consapevolezza, pertanto, all’inizio del suo ministero nella Chiesa di Roma che Pietro ha irrorato col suo sangue, l’attuale suo Successore si assume come impegno primario quello di lavorare senza risparmio di energie alla ricostituzione della piena e visibile unità di tutti i seguaci di Cristo. Questa è la sua ambizione, questo il suo impellente dovere.” (Primo messaggio del 20 aprile 2005)

(3) “Promuovere il ristabilimento dell’unità fra tutti i cristiani è uno dei principali intenti del sacro Concilio ecumenico Vaticano II.” (Unitatis Redintegratio, 1)

Read Full Post »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 61 follower